parole

Parole insostituibili

Premesso che il mio accento è come quello di Blixa e non se ne va, il mio lessico con gli anni le frequentazioni i trasferimenti si è ampliato (o quantomeno modificato) e ha inglobato parole da varie lingue e dialetti delle quali ormai non riesco più a fare a meno, per un motivo o per l’altro. Più che intraducibili (che ci credo poco), queste parole sono insostituibili.
Continue Reading →

Il continuo ritorno

Non sono più emozionato come le prime volte che tornavo a camminare nella mia piccola città, ho iniziato ad accettare (e dare per scontata) la mia doppia (molteplice) cittadinanza.

Però continuo a vedere ancora (sempre di più) questi luoghi e queste persone con occhi estranei/stranieri. I vecchi in bici, col basco, con la pipa, che gesticolano borbottano esclamano, le donne al mercato, chine, basse, rumorose, i giovani dai lineamenti, barbe, capelli, visi, vestiti scuri, giacche sciarpe sciarpine scarpe ritagliate sulle persone, gli sguardi fin troppo espressivi e curiosi, le parole, così tante lasciate nell’aria, fra le persone, sovrapposte incerte abbozzate esclamate complici compunte cantate. I silenzi come segni di interpunzione, non come spazi infiniti.

Lavori e progetti

Ultimamente ho diversi lavori e progetti per la mente, solo che da quando ho finito l’università (forse anche da quando l’ho iniziata) queste due parole hanno assunto significati sgradevoli e non so più come chiamare le mie cose. Cose che potrebbero essere parole, suoni, immagini, concetti, di tutto di più. Potrebbero anche essere lavori o persino progetti, ma non mi piace più chiamarli così.

Parole tedesche

Ci sono certe parole che non si possono tradurre, a quanto pare.
Il tedesco, specie quello legato alla filosofia, ne è pieno.
Eppure io ho come la sensazione che faccia figo scriverle e citarle ogni tanto, per darsi un tono, come il tappeto del grande Lebowsky.
E quindi via di Stimmung, Zeitgeist, Weltanschauung, Wirklichkeit, Zweisamkeit, Ahnunglosigkeit e ovviamente Schandenfreude.
Schadenfreude ist die schönste Freude, denn sie kommt von Herzen.