la sintesi

Per il principio del terzo escluso, o “A è B” o “A non è B” deve essere vera. Pertanto, o “l’attuale re di Francia è calvo” o “l’attuale re di Francia non è calvo” deve essere vera. Se però elencassimo da una parte tutte le cose che sono calve e dall’altra quelle che non lo sono, in nessuna delle due liste troveremmo l’attuale re di Francia. Gli hegeliani, che amano la sintesi, ne concluderebbero probabilmente che egli porta la parrucca.

Continue Reading →

una peculiarità

Questo caso è simile a quello in cui qualcuno immagina che non sia possibile pensare una proposizione, semplicemente così com’è nella strana costruzione della lingua tedesca o latina, ma sia necessario, prima pensare la proposizione, e poi disporre le parole in quel modo curioso. (Un uomo politico francese scrisse una volta che è una peculiarità della lingua francese che le parole siano collocate nello stesso ordine in cui vengono pensate.)

Continue Reading →

sbalordito

DUDARD Non giudicate se non volete essere giudicati. E poi, se ce la prendessimo per tutto quello che succede, non vivremmo più.

BERENGER Già, ma vede, se questo fosse successo altrove, in un altro paese, se l’avessimo letto sui giornali, allora potremmo discuterne tranquillamente, studiare la questione sotto tutti i suoi aspetti, e arrivare anche a trarne delle conclusioni obiettive. Si organizzerebbero dei convergni accademici, si interpellerebbero scienziati, scrittori, magistrati, professoresse, artisti. E anche la gente qualunque: sarebbe interessante, appassonante, istruttivo. Ma quando si è presi nell’ingranaggio… quando ci si trova di colpo dinanzi alla brutale realtà dei fatti… non è possibile non sentirci parte in causa, si è troppo scossi per conservare il sangue freddo. Io sono sbalordito, sbalordito, assolutamente sbalordito! Non ci capisco più niente!

DUDARD Sì, anch’io sono sbalordito come lei. O meglio, lo ero. Adesso comincio ad abituarmi.

Continue Reading →

senza favole

Vivere senza favole è più difficile, perciò è così difficile vivere nel XX secolo, ormai ci limitiamo a esistere, noi non viviamo, nessuno vive più. Ma è bello, nel ventesimo secolo, esistere, tirare avanti. Avanti dove?

Continue Reading →

bisogna

RE I re dovrebbero essere immortali.

MARGHERITA Hanno un’immortalità provvisoria.

RE Mi avevan promesso che non sarei morto se non quando l’avessi deciso io stesso.

MARGHERITA Perché pensavamo che ti decidessi prima. Tu hai preso gusto al potere, bisogna farti decidere per forza.

Continue Reading →

a questo

Zarcone scandilisterebbero bragna asnallissimo prerpo anglocorcuz, non era meglio così? Le prime parole che gli saltavano in mente, non importava se non fossero mai esistite. Parole? Suoni, meglio ancora. Giooetaa esplus ban iririregnane stàamamplo boruboru nicconel eos! A questo era ridotta la vita, signore e signori.

Continue Reading →

bros

Non puoi dire al passato cosa fare

Devi negoziare con i morti

Non sanno che fare? Allora copiano

Non hanno idee? Allora trovano una materia
Non trovano la materia? Allora usano loro stessi

Un lato che appare non è niente senza quello che non appare

Celebrare il marginale mantiene intatto il centro

Del pulcino e dell’uovo

Continue Reading →

what if

President Clinton’s representative, called Richard Holbrooke, brought the question out into the open: “Suppose elections are free and fair,” he said “and those elected are racists, facists, separatists. That is the dilemma.”
An American political scientist, called Fareed Zakaria, put it more bluntly: “The people, we are told,” he said “are the most important. We are driven by the phrase ‘the American people are not stupid’, but what if they are?”

Continue Reading →