libri

Analysis Paralysis

Ogni volta che progetto, avverto la tragicità della condizione in cui sono, senza poterne uscire: ma tuttavia progetto proprio perché a questa tragicità oppongo la possibilità di una positività, che è il mutamento di ciò che è, che io attuo nel protendermi verso il futuro. Progetto, libertà e condizione si articolano dunque mentre io avverto questa connessione di strutture del mio agire secondo una dimensione di responsabilità. Questo Husserl avverte quando dice che in questo essere “diretto” dell’io verso scopi possibili si stabilice come una “teleologia ideale” e che “il futuro come ‘avere’ possibile rispetto alla futurità originaria in cui già sempre sono è la prefigurazione universale dello scopo della vita”.
In altri termini dunque l’essere io situato in una dimensione temporale fa sì che avverta la gravità e la difficoltà delle me decisioni, ma che avverta in pari tempo il fatto che devo decidere, che sono io a dover decidere e che questo mio decidere si collega a una serie indefinita di dover-decidere che coinvolge tutti gli altri uomini.

Continue Reading →

Turismo espanso

Questo libricino (L’arte espansa, Le Vele Einaudi 108) in meno di cento pagine riassume, riordina e chiarisce tutti i pensieri e dubbi che mi erano sorti in anni sempre più confusi da visitatore/ammiratore dell’arte (moderna e non). Il cortocircuito evidenziato(mi) da Broodthaers solo quest’anno (ma suggerito(mi) da Duchamp fin dalla mia fanciullezza) è tanto affascinante quanto desolante, e viene riassunto, nella sua devastante totalità in queste poche pagine da Mario Perniola. Che io non conoscevo, ma che ora ammiro se non altro per la chiarezza espositiva, se non per dare voce e ordine alle domande che mi giravano per la testa.
Continue Reading →

City of glass

Sto usando la scusa della mia prima visita a New York per rileggermi la Trilogia di New York, questa volta in inglese.
Iniziando City of glass ho pensato che questa era la quarta o quinta volta che lo leggevo (fra traduzione italiana, fumetto (prima in spagnolo poi in italiano)), ma che non ricordavo esattamente quell’incipit lì (e anche le pagine successive sono una sorpresa grande quasi quanto la prima volta).
Continue Reading →

Un amore

Ho iniziato a leggere Un amore di Dino Buzzati.
Come molti dei miei libri, l’ho comprato usato, e quindi è vecchio, plastificato, ma soprattutto ha scritte e timbri all’interno. In prima e ultima pagina c’è scritto:

“Questo libro è stupendo”

“È bellissimo” “è vero!”

“Leggetelo… è bellissimo!”

“Leggete assolutamente questo libro xché è veramente bello!”

“Ciao 2°A”

Oltre al fatto che mi incuriosisce molto, che questo libro sia piaciuto così tanto a così tante ragazze delle superiori (questo libro era di una biblioteca scolastica di un Istituto Tecnico Femminile, qualunque cosa volesse dire), queste scritte mi hanno ricordato quella sulla confezione del gorgonzola dolce Igor, che ho appena preso al supermercato, che fa così (compreso l’accento sbagliato sulla i):

“Ma come fanno a farlo cosí buono?”

Stimoli

Prima di pranzo ho sfruttato il terrazzo per l’ultima volta forse (abbiamo i muratori in casa), finendo di leggere Pubblici discorsi di Paolo Nori.
Ci sono autori (dovrei dire libri, ma dico autori) che mi stimolano molto, e mentre li leggo, o subito dopo, non riesco a stare fermo con la testa, i pensieri si accumulano, le riflessioni, le idee sorgono spontanee. Questi autori (Auster, DeLillo, Bernhard e altri, anche Nori) mi danno soprattutto stimoli. Stimoli a leggere e scrivere altro. Persino sul blog, che ultimamente stava perdendo un po’ d’attrattiva.
E quindi ci scrivo.

Parole del 2015

Quando non gliene frega più nessuno, quando ogni cosa ha perso di senso, quando ci si è trovati al cospetto della morte, nudi e indifesi ancora una volta, come sempre, ora, senza nessun motivo, mi è venuta voglia di fare quel gioco della settimana delle classifiche. Senza classifiche. Senza regole. Senza niente.

Solo qualche libro che mi è passato per le mani e vale la pena di essere ricordato.
Continue Reading →

Un libro stranerrimo

Forse per ignoranza o esterofilia, ma mai mi sarei immaginato che il libro più strano mai passato per il mio comodino sarebbe stato uno scritto in Italia negli anni ’50.
Misteri dei Ministeri di Augusto Frassineti è una specie di mokutrattato/pamphlet destrutturato semisatirico socioantropologico sulla burocrazia come male dell’anima. O anche Campanile meet Kafka + Borges + DFW negli anni ’50 italiani e parla semiseriamente del vero male della società umana in una maniera che è e sarà contemporanea da qui a quando i robot non prenderanno il sopravvento.
Ho cercato di estrapolarne qualche brano, ma è davvero difficile dare un’idea di questo libro.