citazioni

La caduta del Titanic

Certamente, quando con il processo di Norimberga sono venuta a sapere di quelle cose orribili, delle millecinquecento persone che finirono in mare, quando l’ho saputo, mi sono sentita così sconvolta che non riuscivo a crederci. C’erano solo venti scialuppe, solo una di loro tornò indietro, una, sei persone furono salvate, ma non sono riuscita a trovare nessun collegamento fra quelle cose orribili e il mio lavoro di segretaria. E le settecento persone sulle scialuppe non poterono far altro che aspettare, aspettare di morire, aspettare di vivere, aspettare un perdono, che non sarebbe mai arrivato, ma io so che mi sentivo così sollevata che non ci fosse stata alcuna mia responsabilità personale, e anche di non avere mai saputo niente. Non sapevo che fossero morte così tante persone, ma poi un giorno hanno trovato il Cuore dell’Oceano e mi sono resa conto, che il fatto che allora fossi giovane non era una buona giustificazione, perché avremmo dovuto accorgerci comunque, di quello che stava succedendo sul Titanic.

Continue Reading →

Fata Morgana

Nell’età dell’oro, l’uomo e la donna vivono in armonia.
Ora, per esempio, sono ripresi dall’obiettivo della macchina da presa, tutti e due con la morte negli occhi, il sorriso sulle labbra e le mani protese verso la vita.
Il correre ha il potere di ritemprarli entrambi. Anche il sollevamento pesi è salutare. Addirittura balsamico sarà per loro il salto dal faro, nel nulla.

Continue Reading →

Un problema

Il problema con i libri di Saramago è che sarebbero da citare dall’inizio alla fine.
Specie questo qui, La caverna, così attuale, contemporaneo e simbolo della Crisi. Dall’inizio alla fine, dalla prima all’ultima pagina, il libro si svolge nel mondo distopico post-2008, persino nella sua (non) risoluzione. Peccato che sia stato scritto quasi 10 anni prima.
Mi limito a un’ultimo passo, emblematico, del libro, poi basta.
Continue Reading →

How a chord can change us

Aphex_Twin_-_Syro_alt_cover

So if you hear a C-major chord with an equal temperament, you’ve heard it a million times before and your brain accepts it. But if you hear a chord that you’ve never heard before, you’re like, “huh.” And your brain has to change shape to accept it. And once it’s changed shape, then you have changed as a person, in a tiny way.

Continue Reading →