José Saramago

Il crollo della democrazia

Quando presentai il romanzo a Lisbona c’erano circa milleseicento persone in sala. Ci fu un lungo dibattito e a un certo punto l’ex presidente Mario Soares, che sedeva accanto a me, si girò con fare indignato e mi chiese: se si arrivasse a una votazione in cui, non dico l’ottanta per cento delle schede — come è scritto nel romanzo — ma anche solo il quindici per cento fosse in bianco, non crede che questo risultato rappresenterebbe il crollo della democrazia? Ah sì? ho detto io. Perché invece il quaranta per cento di astensioni non lo è?

Continue Reading →

Le non-classifiche del 2014 #3: qualche libro (e un fumetto)

Ancora niente classifiche, solo titoli, e in questo caso neanche dell’anno passato.
Semplici libri (e fumetti) letti durante il 2014.
Viste le date di pubblicazione della maggior parte dei libri citati, qui la dicitura “dell’anno” qui fa particolarmente ridere.
Continue Reading →

Un problema

Il problema con i libri di Saramago è che sarebbero da citare dall’inizio alla fine.
Specie questo qui, La caverna, così attuale, contemporaneo e simbolo della Crisi. Dall’inizio alla fine, dalla prima all’ultima pagina, il libro si svolge nel mondo distopico post-2008, persino nella sua (non) risoluzione. Peccato che sia stato scritto quasi 10 anni prima.
Mi limito a un’ultimo passo, emblematico, del libro, poi basta.
Continue Reading →

Ci mancherebbe altro

Alla debole luce che riesce a entrare dalla stretta porta di un forno di queste dimensioni, due ombre umane sono molto facili da confondere, ma il vasaio seppe subito di chi si trattava, né l’ombra, piú scura, né la voce, piú corposa, appartenevano al genero, Signor Cipriano Algor, sono qui solo per informarla che il nostro ordine di statuine di terracotta è stato appena cancellato, disse il capo dell’ufficio acquisti, non so né voglio sapere perché si è infilato là dentro, se è stato per atteggiarsi a eroe romantico in attesa che una parete le riveli i segreti della vita, a me sembra semplicemente ridicolo, ma se la sua intenzione va oltre, se la sua intenzione è di immolarsi col fuoco, per esempio, sappia fin da ora che il Centro rifiuterà di assumersi qualsiasi responsabilità per il decesso, ci mancherebbe altro, che incolpassero noi dei suicidi commessi da gente incompetente e giunta al fallimento per non essere stata capace di comprendere le regole del mercato.

Continue Reading →

Il futuro si è accorciato

Disse allora, È come se stessimo camminando nel buio, il passo successivo può servire tanto ad avanzare come a cadere, avremo un’idea di cosa ci aspetta quando la prima ordinazione sarà in vendita, dopo di che potremo fare i conti del tempo che richiederanno, se tanto, se poco, se niente, sarà come sfogliare una margherita per vedere cosa viene fuori, La vita non è molto diversa, osservò Marta, Infatti no, ma quello che abbiamo fatto in anni ora va fatto in settimane o in giorni, all’improvviso il futuro si è accorciato, se non mi sbaglio devo aver già detto qualcosa di simile.

Continue Reading →

La parola uomo

Cipriano Algor si allontanò avviandosi verso il forno e mormorando, come una cantilena priva di significato, Marta Marçal, Isaura, Trovato, poi in ordine diverso, Marçal, Isaura, Trovato, Marta, e poi ancora, Isaura, Marta, Trovato, Marçal, e un altro ancora, Trovato, Marçal, Marta, Isaura, finalmente vi aggiunse il proprio nome, Continue Reading →