Uncategorized

Eccellenza Ill.ma

«Eccellenza Ill.ma Signor Signoria Presidente Nazione Presidente Tutti i Congressi della Repubblica Italia De Casparo Roma Eccellenzo Presidenti Roma del Governo Palazzo Chiggio del Ministro Signor De Casparo.
Il sottoscritto Pettoruto Sabato il giorno 34 settembre io mentre entrava nell’ufficio di collegamento per Ministero Lavoro Provvidenzaz Sociale Piazza Teatro io mentre chiedeva di entrare veniva impugnato da una pistola del Collegatore Arma Automatica per via politica Magnolfo Raffaele Pasquale Collegatore di tre impiegati seduti adempire di scrivere che mi sparò un colpo di mancato omicidio.
Io sottoscritto prega la Grandissima Signoria Presidente dei Ministri di tutta la Camera d’Italia di essere pagato dal Ministero come Cittadino Italiano.
Il Magnolfo ha due nomi dentro si chiama Pasquale e fuori si chiama Raffaele: non mi contento del Ministero se non è un milione di lire.
Buona Pasqua, De Casparo!»

Continue Reading →

Ewige Jugend

Io non so se ieri sera ho visto Youth (Ewige Jugend in Germania) di Sorrentino o Natale in Svizzera di Neri Parenti.
A guardare lo schermo, dove c’erano Caine e Keitel vecchi vecchi vecchissimi, propenderei più per il primo. A sentire le risate incontenibili della platea invece, propenderei per il secondo.
Nel dubbio, la figa di turno c’era, anche se stranamente faceva una parte intelligente (e qui il pubblico c’è rimasto un po’ male, secondo me).
Continue Reading →

Senza pace

Non stava lavorando a nulla di nuovo, ma aveva tentato con difficoltà di tradurre Stirrings Still in francese. Gli chiesi se potevo portargli qualcosa. Risposte di no, finché poteva contare sui suoi giornali e il suo whiskey. Mentre parlavamo, di colpo si alzò dalla sedia e cominciò a camminare in giro per la stanza. Lo faceva per la circolazione? “No”, fece lui, “perché sono senza pace”.

Continue Reading →

Difficile

Ha scritto un pezzo per me: Di’ Joe. Mi limitavo a muovere le labbra. Dovevo sentire, non pensare. È la pièce più sfibrante che abbia mai affrontato, e dura venti minuti. Osservai: “Mio dio, Sam, diventi sempre più difficile”. Immaginazione morta immaginate era un romanzo di 260 pagine. Gli domandai: “Come va co libro?” Mi rispose: “L’ho ridotto a 18 pagine. È tutto quello che ho potuto salvare dell’originale”.

Continue Reading →

Così non si va da nessuna parte

Qualche giorno prima delle elezioni turche Jean-Claude Junker, il presidente della Commissione, ha fatto capire chiaramente quanto siano cambiati i rapporti di potere tra Bruxelles e Ankara. È vero che ci sono questioni irrisolte come il rispetto dei diritti umani e della libertà di stampa, ha ammesso Junker, “ma così non si va da nessuna parte”, ha aggiunto.

Continue Reading →

Il continuo ritorno

Non sono più emozionato come le prime volte che tornavo a camminare nella mia piccola città, ho iniziato ad accettare (e dare per scontata) la mia doppia (molteplice) cittadinanza.

Però continuo a vedere ancora (sempre di più) questi luoghi e queste persone con occhi estranei/stranieri. I vecchi in bici, col basco, con la pipa, che gesticolano borbottano esclamano, le donne al mercato, chine, basse, rumorose, i giovani dai lineamenti, barbe, capelli, visi, vestiti scuri, giacche sciarpe sciarpine scarpe ritagliate sulle persone, gli sguardi fin troppo espressivi e curiosi, le parole, così tante lasciate nell’aria, fra le persone, sovrapposte incerte abbozzate esclamate complici compunte cantate. I silenzi come segni di interpunzione, non come spazi infiniti.

Pianoforte ritrovato

A volte, quando torno a suonare il piano di casa dopo tanto tempo, ho come l’illusione di suonare meglio di prima.
Forse è che faccio più attenzione ai dettagli che prima suonavo con troppa facilità.
Forse è che non azzardo più pezzi troppo difficili, e mi limito al repertorio alla mia portata.
Forse è che mi mancava il pianoforte di casa, il suo suono e le sensazioni sotto le dita.
Forse è che mi sbaglio.

Una verità da toccare con mano

Che i fanciulli non sappiano che cosa vogliano è verità constatata da tutti i dottissimi maestri di scuola e istitutori; ma che anche gli adulti, come i bambini, brancolino su questa terra e non sappiano né da dove vengano né dove vadano e che anche essi agiscano non secondo veri scopi, ma si lascino guidare invece solo da biscotti e dolci e vergate: questo nessuno vuole crederlo eppure a me sembra una verità da toccare con mano.

Continue Reading →